Coccodrilli, reti e cucchiai. La doppia vita delle parole del calcio: “immergersi”

Siamo entrati nella seconda metà di luglio e l’estate è ufficialmente nella sua piena manifestazione.

Il caldo attanaglia le città, e chi non ha avuto ancora modo di recarsi in vacanza sogna il meritato riposo: che sia in montagna all’ombra di un albero immersi nella lettura di un buon libro, o in spiaggia immersi nell’acqua cristallina per trovare un po’ di sollievo dall’afa, poco cambia.
È arrivato il momento nel quale tutti sentono il bisogno di rigenerarsi dopo un anno lungo e intenso.
Mare o montagna, libro o acqua, il termine ricorrente è uno: immergersi.

E oggi, per gentile concessione della casa editrice Lab DFG, vi proponiamo proprio la parola Immergersi tratta da Coccodrilli, reti e cucchiai di Fulvio Damele e Luca Amoretti.

Già il solo tuffarsi nell’acqua salata regala al corpo una sensazione di benessere che con l’arrivo della bella stagione diventa quasi una necessità fisica. Poi esplorare le profondità e le bellezze del mare è un privilegio senza pari. E lo snorkeling con maschera e boccaglio, tenendo la testa immersa e lo sguardo fisso sui tesori dei fondali è una vera magia. Ma per chi ama visceralmente il calcio il desiderio più grande rimane quello di immergersi nel clima partita, ben prima del fischio d’inizio, con tutta una serie di preparativi e riti scaramantici. È un’attesa che non di rado risulta più gratificante dell’evento sportivo stesso. Immergersi nell’atmosfera dell’arena dove si gioca è possibile anche attraverso la televisione che scova e amplifica anche gli aspetti più suggestivi di ogni singolo match. Dai dettagli, ai movimenti in slow motion, per non dire dei rumori dello stadio, sia a spalti gremiti che desolatamente vuoti. Con gli attori che fanno sentire le loro voci. C’è inoltre la full immersion di chi non vuole perdere nemmeno un servizio dell’intero turno di campionato e inizia la maratona televisiva con gli anticipi e finisce con l’ultimo posticipo. Tanto di cappello e un solo promemoria: di tanto in tanto, quando possibile, andare a vedere una partita dal vivo con la possibilità di immergersi nella calca dei tifosi e testare di persona la velocità del gioco e la complessità di certi gesti tecnici. Una sorta di reset che aiuta a vedere e commentare tutto con occhi diversi.

Per acquistare il libro su Amazon clicca qui.
Per acquistare il libro su IBS clicca qui.
Per acquistare il libro su Feltrinelli clicca qui.
Per acquistare il libro su Libraccio clicca qui.