Siamo tutti Boris. Un libro scritto a cazzo di cane

Si tratta della prima opera ad analizzare il fenomeno “Boris”. Stiamo parlando della serie cult (all’epoca della prima uscita su Sky venne lanciata come la fuoriserie italiana ndr) record di visualizzazioni su Netflix e d’incassi al cinema con “Boris, il film”.

Il libro, dedicato allo sceneggiatore Mattia Torre, prematuramente scomparso, è stato presentato al pubblico il 10 giugno all’interno del set dove furono girate le prime tre stagioni.

“Siamo tutti Boris. Un libro scritto a cazzo di cane” è il libro ufficiale dedicato alla serie tv più geniale d’Italia. Lo scrivono Gianluca Cherubini e Marco Ercole che attraverso interviste, curiosità, foto inedite e con il contributo di tutto il cast, vengono analizzati i retroscena di Boris costruendo un vero e proprio “backstage cartaceo”. L’opera racconta la genesi della sitcom che in tre stagioni si è trasformata in un fenomeno di costume, grazie a un umorismo capace di mettere alla berlina la fiction italiana e quindi i nostri costumi e modi di essere.

Introduzione di Walter VELTRONI
Prefazione di Antonio DIPOLLINA
Postfazione del TRIO MEDUSA

L’opera ha visto la partecipazione di tutti gli attori del cast, da Francesco PANNOFINO a Corrado GUZZANTI, da Marco GIALLINI a Carolina CRESCENTINI, passando per Ninni BRUSCHETTA, Paolo CALABRESI, Giorgio TIRABASSI, Pietro SERMONTI, Andrea SARTORETTI, Caterina GUZZANTI, Antonio CATANIA, Alessandro TIBERI, Massimo DE LORENZO, Giacomo CIARRAPICO Luca VENDRUSCOLO, Lorenzo MIELI, Luca AMOROSINO, Carlo DE RUGGIERI, Ilaria STIVALI, Eugenia COSTANTINI, Karin PROIA, Raffaelle BURANELLI, Massimiliano BRUNO, Angelica LEO, Giulia MOMBELLI, Alberto DI STASIO, Michele ALHAIQUE, Arianna DELL’ARTI, Margot SIKABONYI e Valerio APREA.