Gli Urania di Marzo: quattro volumi in uscita questo mese.

urania

Saranno quattro i volumi disponibili in edicola questo mese per gli appassionati di fantascienza e per i collezionisti della collana Urania.

Nella serie ammiraglia arriva La stirpe di Nettuno di Charles Stross.

A popolare l’universo ora sono i loro discendenti metaumani, come Krina Alizond-114, studiosa di storiografia delle pratiche contabili alla ricerca di Ana, una delle sue sorelle, misteriosamente scomparsa. La barriera della velocità della luce non è mai stata superata, e viaggiare tra le stelle è un’impresa complessa, pericolosa e dispendiosa. Specialmente se, come Krina, si è diretti in un posto sperduto come il mondo acquatico di Shin-Teti, luogo dell’ultimo avvistamento di Ana. La metaumana dovrà accettare di lavorare per la Chiesa dei Fragili per ottenere il passaggio sperato, ma il suo viaggio sarà reso ancora più difficile dal fatto che sua sorella potrebbe essere impelagata in qualcosa di losco. Tra temibili assassini robotici, corsari spaziali a caccia di assicurazioni sulla vita e colossali truffe finanziarie, per la sua ricerca impiegherà parecchie “migliaia di secondi”… e non sarà certo un pic-nic tra le stelle!

 

Nella collana Urania Collezione ecco L’undicesimo comandamento di Lester Del Rey.

Quando un’esplosione nucleare distrugge il Vaticano, l’America nomina un nuovo papa, dando vita a uno scisma nella Chiesa. E con l’umanità decimata e ridotta in miseria, un undicesimo comandamento si impone sui precedenti: quello dato in origine da Dio ad Adamo: “Siate fecondi e moltiplicatevi”. La lotta per i diritti delle donne e della comunità gay torna indietro di secoli, la contraccezione diventa illegale, e la ricerca biologica viene permessa soltanto al clero, mentre mutazioni genetiche e orribili morbi si diffondono ovunque, facendo precipitare l’umanità in un incubo distopico. Ciò che conta è solo la procreazione, a ogni costo. Lo sa bene Boyd Jensen, mandato sulla Terra dalle colonie di Marte, che si troverà a combattere in prima persona per la propria libertà e quella di coloro che ama. Ma dietro l’undicesimo comandamento si nasconde una verità agghiacciante.

 

Per Urania Jumbo c’è Il portale degli obelischi di N. K. Jemisin, il secondo volume della trilogia iniziata lo scorso luglio nel numero 12.

Una devastante, nuova Quinta Stagione sta cambiando volto alla vita sul pianeta, ma stavolta l’evento non è naturale, bensì provocato da un singolo orogeno: Alabaster.
Essun, alias Syenite, la potente orogena protagonista della saga, ha trovato rifugio nell’antica com di Castrima, una città sotterranea scavata in tempi remoti all’interno di un’enorme geode. Nel nuovo rifugio il potere degli orogeni è fondamentale per la sopravvivenza, e dunque la loro esistenza viene tollerata dalle persone “normali”. Essun ritrova e si confronta con il suo ex compagno e amante, Alabaster… o meglio, con ciò che ne rimane. L’utilizzo del potere ha mutato gran parte del corpo dell’orogeno in pietra, e sembra non gli resti molto da vivere. Alabaster crede che solo Essun potrà richiamare un obelisco dal cielo e portare avanti l’ingrato compito di mettere fine alla sofferenza e alla schiavitù del mondo in cui sono nati, il mondo del crudele Padre Terra, in cui gli orogeni vengono trattati alla stregua di mostri, massacrati, sfruttati in modi terribili o tenuti al guinzaglio come cani ammaestrati dagli spietati custodi, e così le insegna a sfruttare al massimo i suoi poteri. Intanto la piccola Nassun, l’unica figlia superstite di Essun, arriva con il padre Jija a Ultima Luna, una com che pullula di custodi e giovani orogeni come lei. Lì la bambina incontra Shaffa, il custode di sua madre, con cui sviluppa un legame particolare. Anche Nassun, parallelamente a Essun, percepisce che oltre all’orogenia esiste un potere ancora più forte e misterioso, di cui cerca di dipanare il mistero. Sia Essun che Nassun, inoltre, sentono parlare per la prima volta di un misterioso satellite chiamato “Luna” che un tempo, si dice, gravitava nei cieli del Pianeta. Tanti secoli fa, prima che Padre Terra si arrabbiasse con gli uomini e li punisse con le Quinte Stagioni.

 

Questo mese ci sarà in edicola anche Urania Millemondi, che torna con Infiniti Universi, la terza e ultima parte della Year’s Best Science Fiction, la raccolta antologica più premiata, a cura dello stimatissimo e compianto Gardner Dozois, nella sua trentacinquesima e ultima edizione.

Accanto ai grandi nomi della fantascienza anglosassone, come Bruce Sterling e Robert Reed, preparatevi a scoprire promettenti nuovi talenti, come Finbarr O’Reilley, Vina Jie-Min Prased, Silvia Moreno-Garcia e Michael F.Flynn.
La raccolta, suddivisa come di consueto in tre volumi, ha visto la sua prima uscita a marzo 2020, “Infiniti Universi. Parte I” (Millemondi n. 86), e la seconda uscita a dicembre 2020, “Infiniti Universi. Parte II” (Millemondi n. 87).
In questo volume vi attendono undici succosi racconti a spasso tra colonie su pianeti lontani, nuove divinità, robot con crisi di coscienza, gabbie di Faraday ed elefanti.