Letture romaniste: a lezione sul sofà

Isolati. 
Diciamo che è questa la parola della settimana.
La Roma va a Cagliari, in Sardegna, su un’isola. 
Molte partite di Serie A si giocano a porte chiuse. 
Molti nostri concittadini sono isolati nel loro paese e non possono uscire. 
Molti altri vivono in città attualmente fantasma o semi deserte come Torino e Milano.
Isolati è la parola della settimana. 
E proprio attorno a questa parola – prendendo anche spunto dalla nostra trasferta isolana – che questa puntata di Letture Romaniste sarà un po’ diversa.

Non c’è un libro per leggere Cagliari – Roma (Domenica 1 marzo ore 18) ma un sito.
Si chiama Lezioni sul sofà ed è dedicato a tutti i bambini e ragazzi (da zero anni a esame di maturità) che in questi giorni non possono andare a scuola  perché la loro regione le ha chiuse a causa del Corona Virus o non possono nemmeno uscire di casa perché in una zona rossa.

L’idea è di Matteo Corradini e Andrea Valente, entrambi vincitori del premio Andersen (tra i massimi riconoscimenti nel mondo della letteratura per l’infanzia) per i loro romanzi dedicati ai più piccoli. Hanno chiamato a raccolta gli autori loro amici con cui hanno messo in piedi un sito sul quale si possono trovare gratuitamente storie, poesie, giochi, audio, video e post per tenere compagnia a tutti i ragazzini che in queste ore altrimenti si annoierebbero o troverebbero in videogiochi e tv le uniche forme di compagnia e interazione.

“C’è in giro un virus che si chiama Corona. Le scuole sono chiuse. In giro consigliano di non andare. Come fare a scacciare la noia? Ci pensiamo noi scrittrici e scrittori italiani: facciamo noi lezione! Sulle cose più diverse, su quelle che ci piacciono, su quelle che vi piacciono, su quelle che non conoscevate, e su quelle che amate. Sono lezioni a casa, sono lezioni sul sofà”. 

Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook Corradini, che abita vicino alla “zona rossa” del contagio, a Borgonovo Val Tidone.

Un’iniziativa virtuosa in un momento in cui molti non hanno saputo mantenere la calma. Quando a fine campionato metteremo in fila le letture romaniste per ripercorrere la stagione della Roma, nel qui e nell’oggi di questa puntata troveremo un segnale forte di inclusione. Penseremo che in fondo una speranza c’è sempre.