Letture romaniste: Ho battuto Berlusconi

C’è stato un momento, nemmeno troppo tempo fa, in cui il Milan era la squadra più forte del mondo. Ma non tanto per dire, lo era sul serio.
C’è stato un momento in cui battere il Milan significava fare un’impresa. Riuscire a scalare l’Everest del pallone. Il Milan è stato forte, fortissimo, nello stesso periodo in cui il calcio italiano era il più bello. Il Milan quindi era la squadra più forte del campionato più bello. 

Ognuno di noi ha i suoi ricordi col Milan. Uno dei miei primi ricordi, non il primo ricordo in verità, ma il ricordo di aver fatto un’impresa, risale a marzo del 1993 quando in una doppia semifinale di Coppa Italia la Roma si impose all’Olimpico 2-0 (perdendo poi 1-0 a Milano e qualificandosi per la finale).
Quella sera segnarono Muzzi e Caniggia con un contropiede, che ancora oggi me lo sogno, con tanto di pallonetto finale. Io avevo 11 anni e mentre Caniggia si faceva tutto il campo stavo a letto con la febbre.

C’era ancora la prima repubblica, non c’era ancora il berlusconismo e forse eravamo molto più ancorati agli anni Ottanta che ai Novanta, ma fu in quel momento che io per la prima volta sentii di aver battuto Berlusconi. 

Il libro che ho scelto per Roma – Milan (domenica 27 ottobre, ore 18) è proprio Ho battuto Berlusconi di John Graham Davies, edito da 66thand2nd.
Davies racconta in questo piccolo libro – che altro non è che la trasposizione di un monologo teatrale recitato dallo stesso Davies –  la vita di Kenny, un uomo sposato, con due figli, duplicatore di chiavi come lavoro e tifoso del Liverpool.
Dettagli della sua vita, questi, da elencare non necessariamente in quest’ordine.
Anzi.

Davies racconta l’incredibile finale di Champions League del 2005 in cui i reds rimontarono da 3-0 a 3-3, per poi vincere ai calci di rigore. In realtà la rocambolesca vittoria è un incredibile espediente narrativo con cui l’autore racconta i primi anni del nuovo secolo e gli ultimi trent’anni di storia britannica. Passando dalla Tatcher alla crisi dei lavoratori portuali di Liverpool fino alla seconda guerra in Iraq.
Un racconto di vita vera, di impotenza davanti ai massimi sistemi e di ingranaggi  apparentemente perfetti che a volte però si incagliano.
E a quel punto vinciamo noi. Il popolo. Quelli che non si arrendono mai.
Tutti almeno una volta abbiamo battuto un Berlusconi.
E tutti, inevitabilmente, quella volta ce la ricordiamo. 

berl
Ho battuto Berlusconi

di John Graham Davies 
66thand2nd
pp. 114
10 euro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...